il mio lato oscuro

04 août 2007

Ipsitilla, Lesbia… Aurelio e Furio

Ipsitilla, Lesbia… Aurelio e Furio

56064

Sii buona, mia dolce Ipsitilla,
delizia mia, tesoro mio, invitami
oggi da te, all'ora della siesta.
Mi inviti, e poi fa' in modo per piacere
che non scatti il tassello della porta
e non ti venga in mente d'andar fuori.
Piuttosto resta in casa a prepararmi
nove fottute senza interruzione.
Anzi, già che ci sei, chiamami subito.
Ho pranzato, son sazio e sto sdraiato,
e mi sfonda la tunica e il mantello.

Fregio

Dobbiamo Lesbia mia vivere, amare,
le proteste dei vecchi tanto austeri
tutte, dobbiamo valutarle nulla.
Il sole può calare e ritornare,
per noi, quando la breve luce cade,
resta un'eterna notte da dormire.
Baciami mille volte, e ancora cento,
puoi nuovamente mille, e ancora cento,
e dopo ancora mille, e dopo cento,
e poi confonderemo le migliaia,
tutte insieme per non saperle mai,
perché nessun maligno porti male
sapendo quanti sono i nostri baci.

Fregio

Io a voi lo metto in culo e in bocca,
Aurelio frocio e Furio pederasta,
voi che avete dedotto dai miei versi
niente austeri che sono niente casto.
Il sacro vate deve essere onesto,
senza obbligo che i versi anche lo siano.
I quali hanno poi spirito e gusto
sebbene niente austeri e mal pudichi
e in grado di eccitare le prurigini,
non dico ai ragazzini, ma ai pelosi
ormai incapaci di ondeggiare i fianchi.
Voi, perché scrivo di baci a migliaia,
non mi credete maschio in senso pieno?
Ma io a voi lo metto in culo e in bocca.

Caio Valerio Catullo

Posté par ecila69 à 19:30 - Commentaires [1] - Permalien [#]


24 juillet 2007

408a418a3_7e5c_4b4f_87a2_095c6538e2d7
Si ferma il tempo... se tu sei con me

Posté par ecila69 à 23:58 - Commentaires [0] - Permalien [#]

13 juillet 2007

3225738_lgDima_Oukhov

Sì, una volta - con rabbia
Sì, una volta - con rabbia
Vergogna quasi ringhiando
I dolci nomi osceni -
Che non poteva dirsi per amore
Ricolmante sospiro dell'assenza
Ma di morsi assediandovi mentale
Per sfregio e penitenza
Per vile affanno sulla vana via
Dell'annusato odore
Madore vostro di profusi seni -
Proprio così l'ho fatto
Dovreste avermi sentito
Non fosse che nell'attimo distratto
Sul vello sfiorando un dito

GIOVANNI GIUDICI (1924)

Posté par ecila69 à 20:31 - Commentaires [0] - Permalien [#]

04 juillet 2007

NOIA

4b231abba_2d65_4ddd_a619_5ed8e3c0d38b

Posté par ecila69 à 20:35 - Commentaires [0] - Permalien [#]

5

Posté par ecila69 à 20:20 - Commentaires [0] - Permalien [#]

_2046315

Tu metteresti l'universo intero nella tua alcova donna impura: la noia ti rende crudele. Per tenere in esercizio i tuoi denti al tuo singolare gioco, ti necessita, ogni giorno, un cuore sulla rastrelliera. I tuoi occhi, illuminati come botteghe o antenne fiammeggianti nelle feste pubbliche, fanno uso, con insolenza, d'un potere preso a prestito senza conoscere la legge della bellezza.
 

  O macchina cieca e sorda, feconda in atrocità! Salutare strumento che ti sazi del sangue del mondo, com'è che non hai vergogna, com'è che non vedi impallidire le tue attrattive dinanzi a ogni specchio? La grandezza del male in cui ti reputi sapiente non t'ha mai fatto indietreggiare di spavento, quando la natura, grande nei suoi fini segreti, si serve di te, femmina, regina del peccato - di te, vile animale - per plasmare un genio? O fangosa grandezza! suprema ignominia!

Posté par ecila69 à 01:04 - Commentaires [0] - Permalien [#]